Informativa

Me.T.A.For.E

La MEDIAZIONE
è un intervento a cui possono accedere le coppie che decidono di separarsi. Non è una terapia di coppia ed ha come obiettivo il raggiungimento degli accordi sulle questioni che i due genitori decideranno di inserire nel piano di lavoro e che potranno riguardare la riorganizzazione delle relazioni familiari in merito alle responsabilità genitoriali, all’affidamento dei figli, ai modelli educativi, alle risorse economico-finanziarie.

Il mediatore non prenderà decisioni al posto loro, anche nel caso in cui fossero loro stessi a chiedere un consiglio; potrà invece limitarsi a indicare ulteriori soluzioni adottate da altre coppie che hanno affrontato situazioni simili, lasciando peraltro ai due genitori la scelta di quella che sarà più utile alla loro situazione. Il potere decisionale è sempre delle parti.

Il raggiungimento degli accordi come effetto collaterale consentirà la diminuzione del conflitto. La mediazione è un processo autonomo e indipendente dal contesto giudiziario, quindi il mediatore non è tenuto a riferire circa il percorso delle parti né al giudice né ad altri operatori coinvolti nel processo di separazione.

SOSTEGNO PSICOLOGICO E TERAPIA
Il percorso di accompagnamento e cura in ambito psicologico, si differenzia in due tipi di interventi: il sostegno psicologico, effettuato dallo psicologo, il cui l’obiettivo è quello di agire su problematiche ed aree specifiche, al fine di promuovere il benessere globale della persona; si tratta di un intervento a breve termine che non implica la messa in discussione di aspetti di sé nucleari, ma che è centrato sull’individuazione del problema implicito e sull’attivazione di risorse per farvi fronte.

Differente è la psicoterapia; un percorso di durata maggiore, che richiede un impegno indicativamente settimanale se trattasi di terapia individuale, quindicinale invece per la terapia di coppia e familiare. Il percorso terapeutico è volto a raggiungere un’approfondita conoscenza di sé ed ha come obiettivo il cambiamento, inteso come la possibilità per la persona di accedere a capacità di lettura e di attribuzione di significati diversi degli eventi accaduti, in corso e futuri, che le consentano di perseguire una maggiore integrazione ed equilibrio.

In tal senso, la psicoterapia è rivolta a coloro che stanno vivendo momenti di difficoltà personale, laddove il sintomo, più o meno inquadrabile nosograficamente in disturbi specifici, costituisce uno degli elementi di sofferenza che la persona sente come necessità di cambiare.

ASSESSMENT
La prima fase conoscitiva della persona avviene attraverso un numero limitato di colloqui, che rappresentano l’analisi della domanda ovvero l’analisi del problema presentato. Questo primo momento è volto a raccogliere elementi che consentano di individuare e definire ipotesi sul funzionamento globale della persona, in modo da poter co-costruire un progetto di intervento condiviso.

Il processo di raccolta delle informazioni riguarda il modo di vedere e costruire se stessi, gli altri, le relazioni, gli elementi di sofferenza o sintomi e costituisce l’occasione di avviare un processo di pensiero sulla propria storia, fino ad allora poco accessibile.

FORMAZIONE
Presso il Centro Me.t.a.for.e vengono periodicamente attivati corsi di formazione su aree psicologiche specifiche, rivolti a medici, psicologi, educatori, assistenti sociali, insegnanti, avvocati e studenti, tenuti da docenti esterni specializzati nell’area di interesse del corso. Le locandine dei vari corsi verranno inserite nell’area Formazione e Corsi.